window.dataLayer = window.dataLayer || []; function gtag(){dataLayer.push(arguments);} gtag('js', new Date()); gtag('config', 'UA-55880344-1');

DIETER ERHARD, SCULTORE IN PLEXIGLAS

C’è chi canta “Anime in plexiglass” e c’è chi le crea. L’esempio lampante è rappresentato da Dieter Erhard, vediamo perché nel prossimo paragrafo.

  1. Opere d’arte con plexiglas riciclato

Unico e meravigliosamente luminoso: l’artista tedesco Dieter Erhard crea opere d’arte riciclate con migliaia di lastre inutilizzate di plexiglas fluorescente. L’incredibile brillantezza delle sue sculture affascina le persone di tutto il mondo.
L’artista, in particolare, esegue dei fori nelle lastre triangolari o rettangolari di plexiglas prima di inserirle su barre di acciaio inossidabile o, più precisamente, di farli inserire: Dieter Erhard, infatti, si avvale regolarmente di volontari per ricevere supporto con le sue colorate opere d’arte. Effettivamente, creare ad esempio delle balene lunghe otto metri significa inserire circa 20.000 ritagli di plexiglas e altrettanti distanziatori sulle aste in acciaio inossidabile.

  1. Arte e plexiglas per il pianeta

Dieter Erhard è molto attivo ovviamente sul tema della tutela dell’ambiente, tanto che ha scolpito un’enorme ape per attirare l’attenzione sulla difficile situazione delle api e sul progetto tedesco BeeAlive.
Si tratta di un’iniziativa molto importante che ogni anno i club Rotaract in tutta la Germania portano avanti a livello nazionale per dimostrare il loro impegno nell’azione sociale. Tale sforzo include attività pratiche, conferenze e sensibilizzazione del pubblico su un singolo problema. Quest’anno, il tema scelto è stata la protezione delle api selvatiche e di conseguenza non poteva che intervenire Dieter Erhard con le sue sculture in plexiglas.
Ma non è la prima volta che Erhard si dedica a sculture in plexiglas rappresentando animali in grandi dimensioni. Infatti, come accennato nel primo paragrafo, nello stagno di Palazzo Bellevue a Berlino si trova la “Balena per bambini”. E’ una scultura fluorescente che brilla anche al buio, senza luce elettrica, grazie all’ottima conduttività luminosa di cui il plexiglas è provvisto.

Se vi interessa il legame dalle mille sfaccettature tra plexiglas e arte, ecco un altro approfondimento dove si possono scoprire tante altre curiosità!

Condividi

Scopri altre news:

DIETER ERHARD, SCULTORE IN PLEXIGLAS

C’è chi canta “Anime in plexiglass” e c’è chi le crea. L’esempio lampante è rappresentato da Dieter Erhard, vediamo perché nel prossimo paragrafo.

  1. Opere d’arte con plexiglas riciclato

Unico e meravigliosamente luminoso: l’artista tedesco Dieter Erhard crea opere d’arte riciclate con migliaia di lastre inutilizzate di plexiglas fluorescente. L’incredibile brillantezza delle sue sculture affascina le persone di tutto il mondo.
L’artista, in particolare, esegue dei fori nelle lastre triangolari o rettangolari di plexiglas prima di inserirle su barre di acciaio inossidabile o, più precisamente, di farli inserire: Dieter Erhard, infatti, si avvale regolarmente di volontari per ricevere supporto con le sue colorate opere d’arte. Effettivamente, creare ad esempio delle balene lunghe otto metri significa inserire circa 20.000 ritagli di plexiglas e altrettanti distanziatori sulle aste in acciaio inossidabile.

  1. Arte e plexiglas per il pianeta

Dieter Erhard è molto attivo ovviamente sul tema della tutela dell’ambiente, tanto che ha scolpito un’enorme ape per attirare l’attenzione sulla difficile situazione delle api e sul progetto tedesco BeeAlive.
Si tratta di un’iniziativa molto importante che ogni anno i club Rotaract in tutta la Germania portano avanti a livello nazionale per dimostrare il loro impegno nell’azione sociale. Tale sforzo include attività pratiche, conferenze e sensibilizzazione del pubblico su un singolo problema. Quest’anno, il tema scelto è stata la protezione delle api selvatiche e di conseguenza non poteva che intervenire Dieter Erhard con le sue sculture in plexiglas.
Ma non è la prima volta che Erhard si dedica a sculture in plexiglas rappresentando animali in grandi dimensioni. Infatti, come accennato nel primo paragrafo, nello stagno di Palazzo Bellevue a Berlino si trova la “Balena per bambini”. E’ una scultura fluorescente che brilla anche al buio, senza luce elettrica, grazie all’ottima conduttività luminosa di cui il plexiglas è provvisto.

Se vi interessa il legame dalle mille sfaccettature tra plexiglas e arte, ecco un altro approfondimento dove si possono scoprire tante altre curiosità!

Condividi

Scopri altre news:
Torna in cima